Consegna e Reso Gratuiti in Italia
Consegna e Reso Gratuiti in Italia
Carrello 0

Supporti per il babywearing a confronto: come scegliere il prodotto giusto

Il baby wearing ha letteralmente rivoluzionato il mercato degli accessori per la prima infanzia. Stanno scomparendo, infatti, i tradizionali passeggini, a favore di fasce e marsupi per indossare, letteralmente, il proprio bambino.

Gli studi compiuti in questi anni hanno evidenziato i numerosi aspetti positivi di questa pratica, rendendola un must tra i genitori appartenenti alla generazione X ed ai millennials. Vediamo perché.

Quali sono i vantaggi nell'indossare i propri figli? Moda del momento o rivoluzione?

I vantaggi del babywearing riguardano sia le mamme che i figli. I genitori che solitamente si cimentano in questa pratica, infatti, sviluppano un legame più intimo e stretto con la propria prole, e per le donne vi è anche un minor rischio di cadere nella depressione postpartum.

Per i bambini, invece, la sensazione di vicinanza e di calore soddisfa uno dei bisogni primari più intrinsechi nella psicologia infantile, rendendo decisamente più quieto l'infante. Inoltre, il trasporto aiuta anche ad incrementare lo sviluppo neurale del bimbo, poiché questo entra immediatamente a contatto con il mondo.

La vicinanza, inoltre, ha effetti positivi anche sullo studio delle espressioni facciali, del movimento del corpo e delle emozioni, oltre a fornire un miglior approccio alle lingue. In fondo, il cervello dei neonati assimila e riproduce, ed avere sempre con sé il proprio pargolo significa anche avere un modello di riferimento da adottare.

Inoltre, a discapito di quanto si possa ragionevolmente pensare, il babywearing è un ottimo approccio per ottenere una maggiore indipendenza, in quanto porta il bambino a volere prima un contatto proprio con la realtà circostante.

Le fasce: l'accessorio di babywearing più inflazionato del mercato

Vi sono diversi strumenti che possono supportare il babywearing, e possono tranquillamente alternarsi a seconda delle esigenze del genitore. La più famosa, e inflazionata, è certamente la fascia per neonati. Questa è un telo di cotone spesso, con una larghezza di circa 70 cm ed una lunghezza variabile tra i quattro ed i cinque metri. 

Il vantaggio di questo accessorio è che può essere indossato in qualsiasi posizione: frontalmente, di fianco e sulla schiena. Le fasce sono lunghe e rigide e sono sicuramente uno degli accessori più completi.

Uno dei suoi maggiori pregi è certamente la versatilità, poiché si può cambiare il tipo di legatura in base alle necessità, alla taglia del bambino e alla sua posizione.

Il particolare tessuto di cui è composta la fascia, il cotone certificato Oekotex, è estremamente resistente, e riesce a mantenere bambini di qualsiasi età e peso.
I contro sono decisamente ridotti, e riguardano principalmente le modalità d'uso della fascia, che possono essere affinati semplicemente con un po' di pratica. 

Fare come i canguri: indossare i propri bebé grazie al marsupio

I marsupi per neonati, invece, sono praticissimi accessori che permettono al bambino di stare comodamente steso in braccio al genitore. Il grande vantaggio di questo strumento è la sua comodità d'uso: l'imbragatura, infatti, è già composita, ed è solo da allacciare. Va quindi, a colmare quello che è l'unico difetto della fascia porta bebè.

Perde, però parecchi punti nel campo della versatilità. Il marsupio, infatti, è fatto di un rettangolo rigido che fa da base per la schiena del bambino, mentre dai quattro vertici partono quattro strisce di stoffa che si affacciano attorno al genitore.

Il marsupio è uno strumento che infonde decisamente più sicurezza nei genitori alle prime armi, in quanto è composto da allacci vari, rendendo la sospensione del bambino più sicura.

Il contatto, inoltre, è garantito proprio all'altezza del petto, dove il neonato può anche rilassarsi ascoltando il battito cardiaco del genitore. L'unica controindicazione è il limite di peso: il marsupio, infatti, può trasportare bebé fino ai 20 kg, che sono raggiungibili verso i tre anni di età.

Mei Tai: la rivoluzione ergonomica del babywearing

Infine, il metodo di babywearing che unisce i vantaggi di marsupi e fasce è il mei tai: un concept innovativo, che permette di ottenere il massimo di ergonomicità e di praticità nell'utilizzo.

E' un validissimo supporto anche per i bambini più robusti nonostante la taglia unica, e si adatta perfettamente al peso crescente del bambino. Inoltre, la sua struttura particolare permette al bimbo di accovacciarsi nella celebre posizione “ad emme”, con il sederino leggermente più in alto rispetto alle ginocchia.

Questa, secondo gli studiosi, è la miglior posizione per la corretta crescita della colonna vertebrale, che si svilupperà così solida e forte.

Il mondo del babywearing è la nuova frontiera degli smart-parents: gli studi ci hanno permesso di elaborare quelli che sono i migliori strumenti per trasportare i vostri figli indossandoli, in modo da trarre da questa pratica i maggiori benefici possibili.

In fondo, quando si mette al mondo una vita, è l'intero nucleo famigliare a crescere e maturare, e per farlo correttamente è sempre preferibile avere gli strumenti migliori a seconda delle proprie necessità.


Articolo più vecchio Articolo più recente